Rete180

rete180mn@gmail.com

Seguici su

Lunedì, 27 Ottobre 2014 00:00

Intervista a Mario Sassi

Ieri abbiamo realizzato la nostra prima intervista radiofonica con lo scrittore e pittore mantovano Mario Sassi (ascoltala su youtube.it).

Mario si è diplomato alla scuola d'arte di Mantova, da giovanissimo ha iniziato a lavorare alla Gazzetta di Mantova come tipografo. Nel 1985, insieme ad alcuni amici fonda l'Associazione Villaggio Sos di Mantova, associazione internazionale che si occupa di ospitare bambini da 0 a 18 anni ai cui genitori viene tolta la patria potestà  e nel 1990 ne diventa il presidente, carica che terrà per dieci anni.
Nel 1992 gli viene chiesto di far parte del CSC (centro solidarietà carcere), con l'incarico di insegnare storia dell'arte e come disegnare. All'interno del carcere, vista la sua esperienza lavorativa, fonda il giornalino "Controsenso" di cui ne diviene il responsabile creando una redazione tra i detenuti, giornalino che esce tuttora nonostante lui non ne faccia più parte.

In quel contesto però, trovando ottimi disegnatori, gli viene l'idea di scrivere un libro di fiabe illustrato dai detenuti stessi "Le fiabe di mia madre". Una copia viene mandata anche al Presidente della Repubblica che nel 1996, in base all'articolo 2, di sua volontà, conferirà a Sassi, il titolo di Cavaliere della Repubblica per meriti sociali e culturali.

Scrive altri 4 libri riguardanti le lotte contadine del primo Novecento. Ultima sua realizzazione un romanzo "A volte può anche chiamarsi amore", edito da Altro Mondo Editore ed in vendita presso la libreria Di Pellegrini, di via Marangoni. Attualmente fa il nonno a tempo pieno, tranne il lunedì e giovedì che va giocare a tennis.

 

Last modified on Venerdì, 21 Novembre 2014 17:00

Media

Sito ospitato da dpm web&seo

Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultare la nostra politica sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito