Rete180

rete180mn@gmail.com

Seguici su

Sabato, 19 Marzo 2016 07:04

Rete 180 intervista Pierpaolo Capovilla

15 marzo 2016

Castiglione delle Stiviere

Pierpaolo Capovilla, leader della band Il Teatro degli Orrori, da sempre molto vicino al tema del disagio mentale, ha aderito alla campagna “E tu slegalo subito!”. Rete 180 apre i suoi microfoni per indagare un musicista, un artista, ma anche un uomo vicino alle vittime delle cattive pratiche in psichiatria. La voce di chi sente le voci è Barbara, che ha realizzato una splendida intervista.

Qual è il rapporto tra musica e poesia nelle sue opere?

Premesso che non sono un poeta, ma solo un autore di canzoni, penso che la poesia sia una cosa seria, che tende alla ricerca della verità. Indubbiamente c’è un rapporto molto stretto tra musica e poesia, ma nella canzone c’è anche provocazione, c’è ironia.

Quanto tempo occorre per realizzare un disco?

Ah, dipende. L’ultimo lavoro, ad esempio, è stato composto e registrato in 5 mesi. Un disco non si può realizzare in pochi giorni, anche se il tempo è tiranno e le tecnologie costano molto, ma si deve stare attenti a non cader vittime della fretta.

Nel comporre lavora di più la fantasia o la razionalità?

Occupandomi quasi esclusivamente della parte letteraria delle canzoni del Teatro degli orrori, temo che sia più la razionalità a lavorare, poiché dovendo narrare me stesso, e quindi anche la società che mi sta attorno, il mio approccio alla realtà è di tipo analitico. 

Spesso i vostri testi vengono paragonati ad un pugno nello stomaco, ad allucinazioni sonore, a qualcosa che ci smuove le viscere e ci provoca malessere. Lei che ne pensa?

Personalmente non concordo, sono più le canzoni di artisti come Laura Pausini o Dolcenera a farmi precipitare in uno stato d’ansia, è la superficialità e l’incapacità di narrare la vera società che ci circonda a darmi malessere, per questo credo che la musica italiana leggera non abbia più nulla da dirci. Il rock buono e genuino non mi fa star male, non mi trasmette una sensazione di sopraffazione, al massimo di amorevole rabbia. Il nostro rock è vero, autentico e massimalistico e penso che emani emancipazione, piuttosto che frustrazione.

Ha aderito alla campagna contro la contenzione meccanica in psichiatria. Come mai si è avvicinato alla questione del disagio mentale?

L’evento scatenante fu una vicenda legata ad un mio amico veneziano che una sera, sotto l’effetto di alcool e forse di qualche allucinogeno, si mise a pisciare su un bancomat. A seguito di questa stupida trovata però non venne arrestato o denunciato, ma gli venne somministrato un TSO, a cui ne seguì un altro e poi un altro ancora, con il consenso del padre, che era stato convinto da alcuni psichiatri che quella era l’unica soluzione possibile. Questo racconto ha risvegliato il mio interesse nei confronti della causa e mi ha suggerito alcune importanti letture come “Il manicomio chimico” o “La fabbrica della salute mentale”, di Piero Cipriano. Così ho appreso che c’è uno stretto rapporto tra la psichiatria e la società moderna, nell’uso di alcuni strumenti di prevaricazione e umiliazione. Mi sono avvicinato quindi al forum della salute mentale e ho avuto la fortuna di conoscere personaggi come Giovanna del Giudice o Peppe dell’Acqua, e tutto uno speranzoso gruppo di psichiatri democratici, impegnati nel cambiamento di pensiero nel segno della 180, che vedono alcune forme di contenzione solo come soluzione ultima ed estremissima. Penso che l’argomento in questione, le cattive pratiche nella psichiatria, sia ancora sconosciuto e quello che provo a fare è cercare di contribuire nella diffusione di informazione e ella sensibilizzazione sul tema.

Ci sono artisti che hanno avuto problemi con la psiche o sono stati ingiustamente considerati malati di mente, come Van Gogh o Alda Merini. Questi personaggi entrano nell’eco della poesia musicale?

Sì, certamente. Oltre agli straordinari nomi che hai citato mi viene in mente Antonin Artaud, eccezionale drammaturgo ideatore del teatro della crudeltà, che fu rinchiuso 9 mesi in un manicomio dove subì innumerevoli elettrochock e che può essere considerato una vittima dell’ideologia psichiatrica del 900’. Il poeta viene spesso considerato un pazzo perché la poesia narra la verità, il cuore delle circostanze, e per questo spesso è invisa dal potere. Temo che una certa psichiatria sia diventata uno strumento dello stato per rivalersi sulle intelligenze degli “internati” camuffandoli da pericolosi. Dire la verità è da sempre molto pericoloso e risulta scomodo, del resto. Se Gesù Cristo tornasse in piazza urlando la sua verità, oggi non esiterebbero a fargli un TSO. A questo proposito non può non venirmi in mente Francesco Mastrogiovanni che, a seguito di un trattamento sanitario obbligatorio, morì crocifisso ad un lettino dopo 82 ore di contenzione. Queste misure di estrema violenza rappresentano una tortura moderna, nient’altro.

Questa sera ci leggerà alcune poesie di Pierpaolo Pasolini. Quale significato ha riproporre un artista da sempre in difesa degli “ultimi” in una città come Castiglione delle Stiviere, che ha ospitato un noto OPG?

Le poesie di Pasolini che ho scelto per il reading non sono direttamente legate alla psichiatria ma descrivono il decadere di una società in una situazione di tremendo oblìo, i disvalori dati dal consumismo, un ambiente in cui regna l’indifferenza, espressione di un profondo egoismo quotidiano che ha pian piano sostituito il sentimento di cittadinanza attiva. In questo senso il problema dell’indifferenza nei confronti del tema della psichiatria è dato da un certo menefreghismo, qualunquismo e ignoranza che ormai dominano nella nostra società.

“Slint” è un brano dedicato ad alcune persone che hanno patito il dolore, la solitudine e il peso dell’esistenza. Ce ne può parlare?

Il titolo viene dal nome di una rock band statunitense che fu cruciale per la formazione musicale e artistica del Teatro degli Orrori. Siamo particolarmente legati a un loro brano dal nome Washer, che lasciò stupefatti al pensiero che era stata partorita da ragazzi così giovani. Tuttavia, “slint” nel gergo inglese significa “sottilissimo raggio di sole”. Scrivendo questa canzone mi sono immaginato vittima di un TSO mentre ricordo questa meravigliosa canzone. La metafora che si sviluppa per l’intera durata del pezzo gioca sul potere della musica di riannodare il sottile e fragilissimo filo che ci lega alla nostra storia. In questo senso la musica è profondamente terapeutica: riconoscendo nel proprio vissuto ciò che eravamo, riusciamo a riconoscerci anche nel presente. Si conclude con i cormorani che si tuffano nel mare per pescare, ma questo non è un invito al suicidio, è semplicemente la metafora della vita.

Le è mai stato impedito di esprimersi liberamente?

Non mi è mai stato impedito, forse qualche poliziotto ha fatto un tentativo, chi ci volesse provare dovrebbe farlo a suo rischio e pericolo!

15 marzo 2016

castiglione delle stiviere

Sito ospitato da dpm web&seo

Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultare la nostra politica sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito