Rete180

rete180mn@gmail.com

Seguici su

Giovedì, 08 Settembre 2016 14:22

Intervista a Silvio Perrella

Al Festivaletteratura di Mantova 2016 Silvio Perrella partecipa a due eventi.

Il primo, dal titolo I NOSTRI ANTENATI (accenti), si chiede chi sono gli antenati-scrittori dell’oggi? E perché? Ne parla a partire da Addii, fischi nel buio, cenni, il libro nel quale racconta la generazione di scrittori italiani nati tra le due guerre mondiali, forse l’ultima dei padri e della madri della nostra letteratura.

Il secondo, con Mathias Énard dal titolo DALL’AUSTRIA ALLA SIRIA. Nel romanzo-fiume "Zona" è riuscito a mappare il fl usso di coscienza di una spia in un viaggio lungo una notte; in Parlami di battaglie, di re e di elefanti si è servito della fi gura di Michelangelo per immaginare un favoloso incontro tra Oriente e Occidente all’alba della modernità; in Via dei ladri ha raccontato una picaresca storia di migrazioni del nostro tempo. Ora, con Bussola, Mathias Énard intraprende un nuovo, avvincente itinerario romanzesco per decifrare un’epoca che, più di ogni altra, ci sfi da a ridisegnare i confi ni tra civiltà. Dialoga col vincitore del Prix Goncourt 2015 il critico letterario Silvio Perrella.

Silvio Perrella, siciliano di nascita, vive e lavora a Napoli. Autore di Calvino (Laterza, 1999), Fino a Salgareda - La scrittura nomade di Goffredo Parise (Rizzoli, 2003, nuova edizione edita da Neri Pozza nel 2015, con il sottotitolo I movimenti remoti di Goffredo Parise), di Giùnapoli (Neri Pozza, 2006), di In fondo al mondo. Conversazione in Sicilia con Vincenzo Consolo (Mesogea, 2014) e di Doppio scatto (Bompiani, 2015), Addii, fischi nel buio, cenni (Neri Pozza, 2016), le sue favole urbane: "L'aleph di Napoli", "L'alfabeto del mare", "Le ombre della Gaiola" costituiscono la "Trilogia dei giovani amanti di Città".

Last modified on Giovedì, 08 Settembre 2016 14:58

Media

Sito ospitato da dpm web&seo

Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultare la nostra politica sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito